SEGUICI SU:​

Elezioni, le nostre richieste. L’Agenda per l’imprenditoria femminile

In vista delle elezioni politiche del prossimo 25 settembre, Confcommercio Imprese per l’Italia ha elaborato un documento sui temi più importanti e le urgenze da affrontare

Le richieste contenute nel documento dal titolo Le ragioni delle imprese, la responsabilità della politica. Le proposte del terziario per la prossima legislatura sono rivolte a tutti e partiti e movimenti che prenderanno parte all’appuntamento elettorale.

Sono dieci in tutto le aree di intervento selezionate da Confcommercio. Il documento si conclude con cinque agende, rivolte ad altrettante aree di intervento: Turismo; Cultura; Professioni; Giovani; Imprenditoria femminile.

Vi presentiamo un focus ogni giorno con le richieste dell’associazione. Oggi in evidenza l’Agenda per l’imprenditoria femminile.

DI SEGUITO le aree di intervento fin qui pubblicate:

Agenda giovani

Agenda professioni

Agenda della cultura

Agenda del turismo

Commercio e servizi di prossimità

Credito e pagamenti elettronici

Transizione digitale

Crisi energetica

Non nuocere alla crescita demografica

Welfare

Lavoro e contrattazione. Politiche attive e formazione

La riforma del fisco

PNRR e politica di coesione

Legalità e sicurezza

AGENDA PER L’IMPRENDITORIA FEMMINILE

In Italia, per fare impresa, 7 donne su 10 scelgono il terziario di mercato. Lo sviluppo della società e dell’economia del nostro Paese passa, dunque, anche attraverso l’imprenditoria femminile del terziario, che oggi richiede:

> il rafforzamento della dotazione del “Fondo a sostegno dell’impresa femminile” e di ulteriori misure di incentivo che prevedano priorità d’accesso per le imprese femminili;

> il potenziamento delle misure di accompagnamento – come formazione, mentoring e supporto tecnico manageriale – volte a rendere le imprese femminili solide e competitive rispetto al mercato di riferimento e per la transizione verso modelli aziendali maggiormente orientati a sostenibilità e innovazione;

> l’adeguato finanziamento dei costi di certificazione e di assistenza tecnica legati all’ottenimento della certificazione di parità di genere, affinché questo strumento sia reso accessibile all’ampia platea delle piccole e medie imprese;

> interventi che mirino al superamento del divario di genere e all’incoraggiamento del lavoro femminile, non solo per ragioni di equità, ma anche in considerazione del fatto che si tratta di leve essenziali per lo sviluppo economico e sociale del Paese;

> il rifinanziamento dei progetti volti ad incentivare i processi di sostituzione datoriale, consentendo a imprenditori e liberi professionisti di sviluppare forme di conciliazione tra vita professionale e familiare;

> la previsione di una disciplina organica con adeguate politiche familiari e di welfare, ovvero misure concernenti il lavoro di cura, nel quale il “capitale femminile” è principalmente impegnato per sopperire alle carenze del welfare pubblico;

> la revisione della definizione di impresa femminile, fissando la soglia a > 50% per la partecipazione femminile di un’impresa che si possa definire impresa rosa.

Condividi questo articolo

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
La Vetrina settembre 2022

La nascita è uno dei momenti più delicati della vita della tua impresa…

Tieni sotto controllo la gestione contabile della tua impresa minimizzando…

Hai dipendenti? Possiamo aiutarti ad ottimizzare il costo del lavoro in azienda…

Tuteliamo i tuoi interessi e quelli della tua impresa con la predisposizione e gestione dei contratti a te necessari. Ai nostri associati offriamo…

Servizi informatici

Per chi vuole sfruttare al massimo i vantaggi dell’era digitale

Per chi vuole sfruttare al massimo i vantaggi dell’era digitale, ti forniamo tutto ciò di cui hai bisogno per essere sempre al passo con i tempi: dalla creazione della tua identità digitale, passando per l’assistenza informatica continua, fino alla fornitura dei servizi di comunicazione…