Credito d'imposta per i Pos innovativi

L'Agenzie delle Entrate ha disposto le regole da seguire per ottenere il credito d'imposta su strumenti di pagamento elettronici evoluti

Con Provvedimento n. 211996/2021 l’Agenzia delle Entrate ha, di fatto, reso operative le novità sui crediti d’imposta POS di cui all’art. 11-bis del “Sostegni-bis” che - modificando l’art. 22 del D.L. 124/2019, convertito con modificazioni, dalla L. n. 157/2019, e introducendo l’art. 22-bis al medesimo provvedimento - prevede:
 
l’incremento al 100% del credito d’imposta sulle commissioni bancarie maturate nel periodo 1° luglio 2021 - 30 giugno 2022 per le transazioni effettuate mediante strumenti di pagamento elettronico in favore degli esercenti attività d’impresa, arte o professioni che effettuano cessioni di beni o prestazioni di servizio nei confronti di consumatori finali e che hanno ricavi o compensi non superiori a 400.000 euro.

L’incremento al 100% si applica nei soli casi in cui l’esercente adotti:

- strumenti di pagamento elettronico collegati agli apparecchi che consentono la memorizzazione elettronica e la trasmissione telematica dei corrispettivi;

- sistemi di pagamento evoluto (ossia strumenti di pagamento elettronico che consentono anche la memorizzazione elettronica e la trasmissione telematica dei corrispettivi).

• un credito d’imposta per l’acquisto, il noleggio o l’utilizzo di strumenti di pagamento elettronico in favore, tra gli altri, degli esercenti attività d’impresa che effettuano cessioni di beni o prestazioni di servizi nei confronti di consumatori finali e che:

- nel periodo intercorrente tra il 1.07.2021 e il 30.06.2022, acquistano, noleggiano o utilizzano strumenti di pagamento elettronico collegati agli apparecchi per la memorizzazione elettronica e la trasmissione telematica dei corrispettivi;

- nel corso dell’anno 2022 acquistano, noleggiano o utilizzano strumenti evoluti di pagamento elettronico (che come prima già rilevato consentono anche la memorizzazione elettronica e trasmissione telematica dei corrispettivi).

La misura del credito dipende dall’ammontare dei ricavi dell’azienda e dal tipo di POS che si intende utilizzare.

Più il POS è innovativo più alto sarà il credito d’imposta, fino a un massimo di 320 euro.
 
L’accesso a tali misure, come visto, richiede l’adozione di strumenti di pagamento elettronico evoluti o quantomeno che siano in collegamento con quelli che consentono la memorizzazione e trasmissione telematica dei corrispettivi a fini fiscali, nel rispetto delle regole tecniche stabilite dall’Agenzia delle Entrate con il Provvedimento da ultimo emanato.

Per saperne di più, contattare i nostri uffici fiscali tel. 0332.342011


Letta 149 volta/e

Accoglienza Soci - AscomPoint

ACCOGLIENZA SOCI L’ufficio accoglienza soci è il punto di riferimento principale per ogni associato nonché il...

Sicurezza sul Lavoro

SICUREZZA SUL LAVORO L’area si occupa dell’assistenza alle imprese in materia di sicurezza, qualità e...

Contabilità e Assistenza Fiscale

CONTABILITA' E ASSISTENZA FISCALE I principali ambiti entro cui opera lo staff dell'Ufficio fiscale e contabilità di Confcommercio Ascom...
 
 

Servizi Associativi

SERVIZI ASSOCIATIVI I Servizi Associativi offrono l’assistenza nelle procedure operative per intraprendere un'attività...

Paghe e Gestione del Personale

PAGHE E GESTIONE DEL PERSONALE L’area si occupa del servizio paghe e contributi per il personale delle aziende associate,...

Comunicazione e Marketing

COMUNICAZIONE E MARKETING Il settore progetta ed elabora strategie di comunicazione per promuovere l’immagine...