News

Le ultimissime notizie da Ascom Varese

AscomFidi Varese, cambio ai vertici della Direzione

Insediato il nuovo direttore, Claudio Verderio, in sostituzione di Cesare Tomasini

L’annuale Assemblea di Ascomfidi Varese, la Cooperativa di garanzia dei commercianti, che si è svolta lunedì 12 giugno, ha ratificato il cambio ai vertici della direzione, con il saluto di Cesare Tomasini che, raggiunta l’età pensionabile, ha passato l’incarico di direttore a Claudio Verderio, già suo braccio destro da diversi anni (foto).
Ma la serata è stata anche l’occasione per elencare un intensa e prolifica attività della Cooperativa di garanzia.
Nella sua relazione, il presidente del Consiglio di Gestione, Attilio Aimetti, ha presentato dapprima il contesto economico dal quale emerge che “dai dati ufficiali sembrerebbe che nella seconda metà del 2016 siano aumentati gli investimenti in beni strumentali (probabilmente il super ammortamento 140% ha dato i suoi frutti) così come le compravendite immobiliari, principalmente residenziali. Anche la dinamica del credito al settore privato, non finanziario, si è lievemente rafforzata nell’ultimo quadrimestre.  Si è registrato solo un modesto incremento dei prestiti alle imprese con forti differenze legate alle dimensioni aziendali ed al settore di attività. Le piccole imprese e le ditte individuali (famiglie produttive) registrano ancora un calo dei prestiti di circa il 2%. Per contro nel secondo semestre dell’anno il deterioramento dei portafogli ha segnato un miglioramento, probabilmente grazie alle prospettive sull’andamento economico generale del Paese”.
In questo scenario, Ascomfidi Varese si è ben distinta: infatti, nel corso del 2016 “la nostra società – ha evidenziato Aimetti - ha garantito e controgarantito n. 409 operazioni, per un totale finanziato di € 22.061.761. Dobbiamo sottolineare che l’attività ha avuto un incremento anno su anno del 24,7% in termini di pratiche e del 29,6% in valore, e ciò grazie all’apertura dell’ufficio di Lentate sul Seveso, che ha raccolto 40 operazioni per euro 3.675.761, e delle commissioni ridotte per i rinnovi di operazioni in scadenza.”


Letta 172 volta/e